UN SALTO: DA STANZA A SOGNO

spazi 05-05

Come Amore e Psiche non potevano vivere uno senza l’altra, così non possiamo pensare che quando ci approcciamo all’acquisto di una casa la mente, logica e razionale, che analizza prezzi e funzionalità, sia completamente staccata dalla nostra componente emotiva.

Osserviamo le persone per la strada che guardano le vetrina e le pubblicità. Talvolta le persone guardano ma non vedono, sono automi inespressivi che parlano al telefono, osservano le vetrine e rispondono ai messaggi e diventano inespressivi perché “non sono sul pezzo”.

Quando invece cercano casa, la situazione si trasforma. Tutte le energie sono concentrate nella ricerca, che magari inizia  aspettando la metropolitana e continua in casa, scorrendo immagini sul device e soffermandosi davanti a un prezzo? NO! Il prezzo è definito a priori tra i parametri di ricerca. Quartiere, prezzo, dimensioni in metri, numero dei locali, e dei vani. Posto auto, giardino, terrazzo e portinaio, si o no.

Il gioco è fatto. Definiti i parametri che mi sono preposto, per una scelta razionale,  da questo momento è l’emozione che vince. Non è la capacità tecnica e comunicativa dell’agente immobiliare, non sono le “finiture di pregio” o la “posizione fantastica” o il “luminosissimo salone”. Sono le emozioni che prendono spazio sulla sfera razionale. Una fotografia comunicativa ci fa soffermare, indugiare, guardare … magari anche solo per curiosità.

Come faccio a capire gli spazi se è troppo “piena” di oggetti, ricordi e storia di chi ci vive?

Quando invece i locali sono vuoti,  magari nuovi, mi sembra di sentire riecheggiare il suono delle scarpe sul pavimento, magari l’odore di pittura appena stesa sui muri, ma senza parametri dimensionali faccio fatica a capire.

Tanti modi di vita, tante case. Tante abitudini e tante storie diverse. Siamo stereotipati ma siamo diversi.

Non facciamoci condizionare dal trend del momento, facciamoci consigliare dall’emozione del cuore. Capiamo cosa ci porta ad indugiare davanti ad alcune immagini e non vergogniamoci del nostro sentire, magari poco alla moda, lontano dal minimalismo e dalle proposte di designer e blogger.

Quando vendete casa noi cerchiamo di capire a chi vi piacerebbe venderla, quale potrebbe essere il cliente ideale, concordiamo la comunicazione con l’agente immobiliare, vostro referente e impostiamo moodboard, colori, oggetti e arredi. Il prezzo e le caratteristiche tecniche sono dell’agente, professionista attento a questo.

Trasformiamo la casa da “stanze” a spazi emozionali, da ambienti pieni di altro o nulla, a contenitori di sogni e storie di vita.

E’ sempre un salto, che ci coinvolge nel profondo, voi vi allontanate da una parte del vostro passato, che sia la prima casa, un’eredità o la casa di vacanza e chi arriva deve creare una vita nuova, una fonte di reddito o uno spazio di vacanza.

Noi vi invitiamo a fare il salto dall’on-line all’esperienza diretta e con chi ti accompagnerà nella visita, cercheremo di coinvolgere tutti i tuoi sensi per capire se in effetti, proprio quegli ambienti sono quelli che cercavi.

E’ indispensabile allestire per chi si occupa di segmenti luxury, non si cercano necessità ma sogni. Tutti gli altri che cercano e comprano casa? Perché volete trattare il comparto social o senior come serie B? Tutti hanno il diritto di provare a vivere un sogno!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...